Ti trovi in:

Infanzia

L'infanzia è il periodo della vita dell’individuo compreso tra la nascita e la pubertà. Etimologicamente il termine deriva dal latino infans che significa muto, che non può parlare.

Infanzia

Il periodo dell'infanzia dura all'incirca da 0 a 10 anni, a parte naturalmente le differenze tra bambino e bambino nel tempo di sviluppo. Solitamente viene fatta anche una distinzione tra vari periodi dell'infanzia: prima infanzia (dalla nascita ai 2 anni), seconda infanzia (dai 3 ai 6 anni), terza infanzia (dai 7 ai 10 anni).

Nel periodo dell'infanzia, purtroppo, esistono numerose fonti di rischio per la salute e il corretto sviluppo del bambino. In questo periodo, infatti, si generano la maggior parte delle condizioni che determineranno la corretta formazione di un individuo sano: le principali malattie infettive, efficacemente contrastate dalle vaccinazioni e da stili di vita sani, ma anche una serie di problematiche relative al non corretto sviluppo psichico e psicosessuale.
Ulteriore rischio per la buona crescita dell'individuo è la pedofilia. Un bambino che è stato vittima di abusi sessuali, infatti, potrebbe avere problemi notevoli nel rapportarsi al sesso in età adulta, oltre al naturale shock che segue immediatamente l'atto di violenza.
Per regolamentare quest'ambito ponendo particolare attenzione alla difesa dell'infanzia, sul piano internazionale è stato stipulata una convenzione delle Nazioni Unite, la Convenzione Internazionale sui Diritti dell'Infanzia, ratificata da tutti i paesi ad eccezione di Somalia e Stati Uniti; inoltre le Nazioni Unite hanno al loro interno un'agenzia specifica per i problemi relativi all'infanzia: il Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia (UNICEF).
In Italia esiste anche una onlus con lo scopo di difendere i diritti dell'infanzia: il Telefono Azzurro.

Questa sezione descrive i principali servizi sanitari per l’infanzia. Altri argomenti sulla salute dell’infanzia e sulla gestione della disabilità sono presenti nelle pagine dedicate alla Neuropsichiatria Infantile, all'Assistenza residenziale per disabili, all'Assistenza sociale per i diversamente abili e all'Invalidità.



Torna all'inizio della pagina