Ti trovi in:

Trasporto in ambulanza

Trasporto in ambulanza

Con la definizione "trasporto primario" si intendono i trasporti dal territorio verso l'ospedale, mentre il “trasporto secondario” comprende i trasferimenti interospedalieri, che possono essere suddivisi in sei tipologie:



    1. per competenza specialistica:
      quando il paziente deve essere trasferito in un altro ospedale perché necessita di trattamento specialistico non disponibile nell'ospedale.
      Il trasporto viene richiesto dopo che il medico curante ha contattato l'ospedale di destinazione.
      I servizi urgenti vengono svolti 24 ore su 24 e possono essere richiesti al 118.
      Qualora sia necessaria l'assistenza rianimatoria durante il trasporto, la richiesta deve essere effettuata personalmente dal medico curante.
      I servizi non urgenti vengono svolti con orario 14,30-21,00 e devono essere richiesti entro le ore 12,00 del giorno stesso.
      Il servizio è sempre gratuito per l'utente ed è a carico dell'ospedale inviante se il paziente è ricoverato, dell'ULSS di residenza se non è ancora ricoverato.
    2. per prosecuzione cure:
      quando il paziente, terminate le esigenze di cure specialistiche, viene trasferito in un altro ospedale per continuare le cure non specialistiche.
      E' gratuito per gli utenti residenti nella Regione del Veneto; l'onere è a carico dell'ULSS di residenza.
      Per gli utenti residenti in altre Regioni, è gratuito solo per i residenti in quelle Regioni che riconoscono l'onere a proprio carico.
    3. per accertamenti diagnostici, consulenze e terapie:
      il paziente viene trasportato in un altro ospedale e quindi rientra nell'ospedale dove è degente, senza che vi sia un trasferimento.
      Prima di richiedere il trasporto è necessario il nulla osta della Direzione Medica all'esecuzione della terapia.
      E’ necessario che all'atto della richiesta di appuntamento con l'ospedale di destinazione il medico curante concordi un orario pomeridiano per l'effettuazione della prestazione.
      L'onere del servizio è a carico dell'ospedale di degenza.
    4. per mancanza di posti letto:
      l'ospedale accettante non è in grado di ricoverare il paziente poiché non ha disponibilità di posti letto.
    5. per pazienti, già in cura in altri ospedali, che vengono occasionalmente accolti negli ospedali dell’ULSS 4.
      Sono pazienti che per motivi di urgenza vengono accolti negli ospedali dell’ULSS 10 e che sono in cura, per una specifica patologia, presso un altro ospedale.
      Questi trasporti non rivestono carattere d'urgenza e rientrano nella normale programmazione.
    6. su richiesta dell'utente:
      l'utente desidera essere trasferito, per motivi personali, in un altro ospedale.
      Il servizio è sempre a carico dell'utente; quando il SUEM non è in grado di garantire il trasporto con propri mezzi, all'utente vengono forniti i recapiti telefonici di ditte o associazioni esterne alle quali rivolgersi.
Torna all'inizio della pagina