Ti trovi in:

Medici di medicina generale

Medici di Medicina Generale

I Medici di Medicina Generale, unitamente ai pediatri di libera scelta, rappresentano per il cittadino il primo riferimento per la propria salute. I Medici di Medicina Generale, come i Pediatri di Libera Scelta, non sono dipendenti dell’ULSS, ma liberi professionisti. Essi sono legati al Servizio Sanitario Nazionale da un accordo, stipulato a livello nazionale, che ne regola i rapporti, le funzioni ed i compiti.




Scelta e revoca

Ciascun cittadino sceglie direttamente il proprio medico di famiglia tra coloro che esercitano nel territorio della propria aggregazione funzionale territoriale (AFT), iscritti in un apposito elenco. La scelta viene effettuata presso gli sportelli di anagrafe sanitaria del Distretto oppure mediante posta elettronica, via fax o con posta ordinaria.

Il cittadino può, in qualsiasi momento, revocare la propria scelta ed effettuarne una nuova. Il diritto di revoca può essere esercitato anche dal medico nei confronti dell’assistito, nel momento in cui viene meno il rapporto di fiducia.

Visite ambulatoriali

Le visite ambulatoriali vengono effettuate nello studio del medico che è aperto, di norma, cinque giorni alla settimana. L’orario di apertura è esposto presso l’ambulatorio.

Il medico, a sua discrezione, può definire particolari orari per visite su appuntamento.

Visite domiciliari

La richiesta di visita domiciliare urgente, se recepita dal medico, deve essere soddisfatta nel più breve tempo possibile. Ogni medico è tenuto ad eseguire le visite domiciliari: il giorno stesso, se la richiesta avviene prima delle ore 10.00; entro le ore 12.00 del giorno successivo alla richiesta, se questa avviene dopo le ore 10.00.

Nelle ore notturne e durante i giorni prefestivi (dalle ore 10.00) e festivi (dalle ore 8.00), l’assistenza a domicilio è garantita dal Servizio di Continuità Assistenziale, ex Guardia Medica.

Prestazioni con onere a carico del Servizio Sanitario Nazionale

  • visite mediche, ambulatoriali e domiciliari, anche a carattere d’urgenza;
  • prescrizioni di esami strumentali e di laboratorio e di visite specialistiche;
  • interventi sanitari di competenza in assistenza domiciliare integrata (ADI);
  • assistenza domiciliare programmata (ADP), con interventi programmati a domicilio, a favore degli assistiti che non sono in grado di camminare;
  • certificazioni per la riammissione a scuola, per attività sportive non agonistiche nell’ambito scolastico e certificati di malattia;
  • esecuzione di vaccinazioni antitetaniche, con vaccino fornito dal paziente;
  • medicazioni e rimozione dei punti di sutura.

Prestazioni a pagamento

  • visite domiciliari non urgenti o al di fuori di programmi di assistenza domiciliare;
  • certificati di idoneità alla pratica sportiva non agonistica;
  • certificati per uso assicurativo;
  • certificati per il porto d’armi;
  • certificati per l’esonero scolastico dalle lezioni di educazione fisica;
  • certificati per la domanda di riconoscimento di invalidità civile;
  • certificati per soggiorni climatici o in collettività;
  • certificati per uso pensionistico;
  • certificati per uso medico-legale;
  • certificati per infortunio sul lavoro (INAIL);
  • certificati per altri usi personali, non obbligatori per legge;
  • qualunque altra prestazione non prevista dalla Convenzione.

Forme associative

I Medici di Medicina Generale possono costituire forme associative, quali la medicina in associazione, la medicina di gruppo, la medicina in rete e la medicina di gruppo integrata, per lavorare in maniera coordinata con gli altri colleghi; questa forma di lavoro associato ha lo scopo di fornire un servizio più esteso e coordinato ai propri assistiti.

Il rapporto di fiducia con il medico scelto resta invariato e l’assistito continuerà a rivolgersi in via prioritaria al proprio medico; tuttavia, in caso di urgenza, di occasionale necessità o di esigenze improvvise, potrà trovare la disponibilità all’assistenza anche presso gli studi dei medici della forma associativa, ai quali potrà accedere in regime di assistenza diretta.

Torna all'inizio della pagina