Ti trovi in:

Viaggiare all'estero

Viaggiare all'estero

Il Servizio Sanitario Nazionale assicura ai cittadini italiani l'assistenza sanitaria in Italia, ma non riconosce un diritto incondizionato alla copertura sanitaria fuori dal territorio nazionale in favore dei cittadini che si recano all’estero per un soggiorno temporaneo a scopo di turismo, lavoro, studio, motivi di famiglia, ecc.

Prima di intraprendere un viaggio all’estero, è bene informarsi presso la propria Azienda Sanitaria per sapere se nello Stato estero prescelto esiste il riconoscimento dell’assistenza sanitaria a carico dello Stato italiano.
Esistono differenti modalità a seconda del motivo per cui ci si reca all’estero (turismo, lavoro, studio, ecc….) e a seconda dei Paesi Esteri. Per informazioni ci si può rivolgere al Distretto Socio Sanitario di residenza.

Paesi dell’Unione Europea (UE), dello Spazio Economico Europeo (Islanda, Lichtenstein, Norvegia) e Svizzera
Per agevolare l’accesso all’assistenza sanitaria in uno dei Paesi dell’UE, dello Spazio Economico Europeo e in Svizzera è stata introdotta una tessera europea di assicurazione malattia, la “TEAM”, con la quale, in caso di incidente o malattia imprevista i cittadini italiani possono beneficiare di cure sanitarie gratuite o a costi ridotti. Ciascun Paese ha le proprie norme in materia di servizi sanitari pubblici: in alcuni casi sono gratuiti, in altri parzialmente gratuiti, mentre in altri ancora occorre pagare le spese sanitarie per intero e poi chiederne rimborso al rientro. E’ opportuno conservare le fatture, le prescrizioni e le ricevute. Si raccomanda di portare sempre con sé la TEAM.

Paesi con i quali vigono convenzioni bilaterali (Australia, Brasile, Capo Verde, Croazia, Repubblica di San Marino, Principato di Monaco, Stato della Città del Vaticano e alcuni Paesi della ex Jugoslavia)
Chi si reca in uno di questi Paesi deve munirsi del modulo che dà diritto all’assistenza sanitaria rilasciato dal Distretto Socio Sanitario di residenza. In questi Paesi non tutte le categorie di cittadini italiani hanno diritto all’assistenza sanitaria e la copertura dei costi varia in base alle convenzioni vigenti.

Assistenza sanitaria in Paesi non convenzionati
Chi si reca in questi Paesi per motivi di studio o lavoro si deve informare presso il proprio Distretto di residenza per conoscere le modalità di assistenza, la modulistica necessaria, ecc.
Per motivi diversi (turismo, motivi di famiglia, etc.) non si ha diritto al rimborso delle spese sanitarie sostenute all'estero per cure mediche urgenti. E’ prudente tutelarsi con una polizza assicurativa privata contro eventi sanitari imprevisti.

Vaccinazioni
Per entrare e viaggiare in alcuni Paesi sono richieste vaccinazioni. Per avere informazioni, ci si può rivolgere al proprio medico o all’Igiene Pubblica del Dipartimento di Prevenzione.

Medicinali
E’ consigliato portare con sé il quantitativo di medicinali che si presume di assumere durante il soggiorno all’estero, perché si potrebbero non trovare nel Paese dove ci si reca.



Torna all'inizio della pagina